Loading color scheme

Le fiabe: un aiuto prezioso per alimentare ed accrescere l’autostima dei nostri bambini

bambini felici

Autostima: che cos'e'? Autostima significa avere una buona “fiducia di base”, avere una percezione di sé positiva, unita alla convinzione di avere tutte le capacità necessarie per cavarsela nella vita.

La fiducia di base nasce a partire da una prima deduzione inconscia del bambino: “se la mamma mi accetta e mi ama, vuol dire che sono accettabile e buono, quindi posso fidarmi di me stesso, così come mi posso fidare di lei”. Pertanto, la relazione di attaccamento è alla base della fiducia in sé, si crea attraverso un adattamento costante nei rapporti tra genitori e figli.

Come si alimenta? I genitori possono favorire nei bambini la fiducia in se stessi e in seguito una buona autostima. Tuttavia, sarebbe un'illusione pensare che l'autostima si sviluppi una volta per tutte. L'autostima si sviluppa man mano che viviamo le diverse esperienze della vita. Si costruisce vivendo dei successi, avendo reazioni positive, facendo cose nuove e creando.  La vita alle volte ci procura fallimenti, difficoltà, esperienze di rifiuto, in famiglia, con gli amici, all'asilo o a scuola; i successi così come le frustrazioni, sono importanti per lo sviluppo dell'autostima nel bambino.

L'autostima regna se il bambino sente che i suoi genitori incoraggiano il suo piacere, gli vogliono bene e gli mettono limiti per la sua sicurezza, se gli permettono di fare delle esperienze in prima persona, se gli fanno i complimenti e lo aiutano a perseverare.

Dunque cosa fare per favorire l'autostima nei bambini? E' sufficiente vivere con i propri figli tenendo presente sei parole chiave:
• piacere: il piacere vissuto nel corpo grazie agli abbracci e alle carezze, il piacere del gioco, dell'apprendere, dello stare in società. Chi prova piacere nell'infanzia potrà sempre tornare a quest'esperienza intima  di soddisfazione nei momenti difficili.
• Amore:  sentirsi amati permette di sentirsi amabili e per questo importanti.  Tutti abbiamo bisogno di genitori che ci dicano che ci vogliono bene e che ce lo dimostrino.
• Sicurezza: tutti abbiamo bisogno di stabilità per costruire un sentimento di fiducia nell'altro e poi in se stessi. I genitori possono procurare questa sicurezza riducendo al minimo i cambiamenti e rispondendo ai bisogni dei loro figli.
• Autonomia:  è la volontà di fare le cose da sé. I genitori che favoriscono l'autonomia non smettono per questo di fare attenzione al proprio bambino. 
• Orgoglio:  il bambino deve imparare a essere orgoglioso di sé, per questo i genitori devono sottolineare i suoi buoni comportamenti.  
• Speranza: il bambino per crescere deve poter sperare e credere che i suoi genitori risponderanno ai suoi bisogni, deve anche accettare che può passare del tempo tra il momento in cui fa una richiesta e quello in cui questa viene soddisfatta. Sperare significa imparare a darsi delle mete realistiche e a fare degli sforzi per raggiungere l'obiettivo.

Le fiabe: un aiuto preziosissimo!
E' speciale quello che passa attraverso l'immaginazione: storie, fiabe, favole, rigorosamente a lieto fine, con un protagonista cui immedesimarsi, partecipando alle sue traversie fino al successo finale.
Un esempio di questo tipo di favole è il “Brutto Anatroccolo” di H. C. Andersen, particolarmente adatta quando il bambino incontra delle difficoltà ad integrarsi nel gruppo, all'asilo o a scuola, perché più timido, più piccolo o cicciottello. Scoprire che l'anatroccolo brutto e sgraziato che tutti rifiutavano alla fine della fiaba, crescendo, diventa un bellissimo cigno, non solo è di conforto, ma possiede anche una preziosa indicazione: “non arrenderti, rimani fedele alla tua natura anche se altri non l'apprezzano; nel mondo c'è sempre un posto per te, non smettere di cercarlo, un giorno lo scoprirai e in quel momento capirai anche chi sei veramente” •

a cura dott.ssa Silvia Schiano di Tunnariello
pedagogista, counselor relazionale, coordinatrice asilo “L’isola che non C’è” 


Girotondo
 riceve
i Patrocini dei Comuni
per le sue finalità socio/educative
a sostegno della Comunità

Esce a Marzo - Maggio
Settembre - Dicembre

In ogni numero informa 
sul mondo dei bambini
per aiutare i genitori
a comprenderli meglio

Il Comitato Etico Scientifico 
supervisiona tutti gli articoli,
a garanzia della tutela all’infanzia
e di una genitorialità consapevole,
valori a cui Girotondo si riferisce
come Associazione