Loading color scheme

"Pap\u00e0! Ho fatto un brutto sogno!"

bimba che dorme

A quanti di voi è capitato di essere stati svegliati nel cuore della notte dal vostro piccolo in preda alle lacrime, spaventato da un "brutto sogno"?

Sognare è un'attività del tutto normale e naturale del bambino, anzi vitale, durante il sogno infatti consolida e rafforza quanto appreso durante il giorno, così come del tutto normali sono i “brutti sogni” attraverso i quali il bambino esprime le proprie paure.

Le cause di questi episodi possono essere attribuite: alla presenza eccessiva di stimoli durante il sonno (rumori molesti), all'accumulo di stress durante la giornata, oppure a eventi fisiologici come la febbre.

Cosa possono fare i genitori 

• Cercare di rimanere tranquilli, essere fisicamente presenti;
• Lasciare libero il bambino di piangere e sfogare la paura e la tensione accumulata;
• Rimanere con il bambino finché non si sia calmato, aspettare che riprenda sonno;
• Non forzare il bambino a raccontare il sogno, ma calmarlo spiegandogli che può accadere a tutti di avere un incubo e sentirsi spaventati, ma che si tratta solo di un brutto sogno. Vedere voi genitori sereni e per niente impauriti dell'accaduto trasmetterà al  bambino un senso di sicurezza;
• Per gli incubi molto forti, se il bambino si sveglia e fa fatica a riaddormentarsi, può essere utile portare il bambino a bere un bicchiere d'acqua o preparargli una camomilla, qualche carezza o rassicurazione lo aiuteranno a riaddormentarsi serenamente.

Giochiamo con il sogno: se il bambino ha avuto una notte travagliata a causa di un brutto sogno l'indomani, in un momento tranquillo della giornata, e solo se il bambino lo desidera, gli si può proporre di raccontarci il suo sogno e di disegnarlo, insieme poi lo si potrebbe aiutare a trovare un finale diverso, in cui arriva un personaggio “buono” a salvarlo, oppure il papà che insegue il “mostro” facendolo scappare. 

Proporrete poi al bambino di realizzare il disegno del secondo sogno “modificato”, questo è un buon modo per far rivivere al bambino con più serenità un'esperienza emotivamente forte. 

I contenuti del sogno possono trovare espressione attraverso diverse modalità: il collage, la pittura; oppure con la plastilina o la creta si possono realizzare i personaggi/elementi del sogno attraverso i quali dar vita a ciò che si è sognato e giocare a riprodurre il sogno e cambiare anche in questo caso il finale introducendo elementi nuovi.

Il sogno di Francesco: Francesco è un bambino di sei anni, frequenta la prima elementare, e spesso gli capita di sognare di essere inseguito da un lupo. Con l'aiuto dei genitori Francesco, ha inventato un finale diverso al suo sogno, e così mentre corre terrorizzato nel bosco, cercando di seminare il lupo, all'improvviso da dietro un albero appare una guardia forestale (personaggio buono) che riesce a mettere in fuga il lupo e a salvare Francesco. •

a cura dott.ssa Silvia Schiano di Tunnariello
pedagogista, counselor relazionale, coordinatrice asilo “L’isola che non C’è” 


Girotondo
 riceve
i Patrocini dei Comuni
per le sue finalità socio/educative
a sostegno della Comunità

Esce a Marzo - Maggio
Settembre - Dicembre

In ogni numero informa 
sul mondo dei bambini
per aiutare i genitori
a comprenderli meglio

Il Comitato Etico Scientifico 
supervisiona tutti gli articoli,
a garanzia della tutela all’infanzia
e di una genitorialità consapevole,
valori a cui Girotondo si riferisce
come Associazione