Loading color scheme

impara a ballare per imparare a rispettare

bambini_sorriso.jpgL’apprendimento di tutte quelle abilità coinvolte nella relazione con gli altri avviene in tutti i contesti: in primo luogo a casa con i genitori ma anche a scuola e nelle attività sportive o extrascolastiche. 

Quello che noi adulti dobbiamo sempre ricordare quando chiediamo ai bambini di mettere in atto un determinato tipo di comportamento è che i bambini apprendono quanto vedono fare dagli adulti di riferimento, imitano e prendono esempio dai nostri comportamenti, non dalle nostre parole. 

Quindi se durante una discussione diciamo ad un bambino che non si deve urlare, ma il nostro tono è tutt’altro che contenuto, il bambino prenderà l’esempio dal nostro comportamento. Quando si ritroverà a confrontarsi con un coetaneo sarà l’imitazione del nostro atteggiamento ciò che metterà in pratica: come adulti di riferimento dobbiamo sempre ricordare di porci come esempio positivo e di insegnare ai bambini, attraverso ciò che facciamo, a diventare adulti rispettosi e responsabili.

In una scuola di ballo l’obiettivo non è solo l’insegnamento di una disciplina sportiva, ma anche l’educazione dei bambini di cui si occupa. Il rispetto è proprio uno di quegli aspetti che è possibile sperimentare attraverso la danza sportiva. 

La danza sportiva comprende diverse discipline che è possibile praticare sia in gruppo che in coppia. In entrambi i casi è fondamentale il rispetto dei compagni, inteso sia come rispetto degli spazi, sia come rispetto delle regole di convivenza comune.  I bambini attraverso la danza, in gruppo o in coppia, imparano che, per la buona riuscita delle coreografie, è necessario rispettare lo spazio fisico degli altri, mantenendo una specifica distanza o coordinando i propri movimenti con quelli dei compagni. 

 

Noi come insegnanti di ballo ma anche educatori, abbiamo il compito di far notare ai bambini durante l’esecuzione del gesto artistico proprio questo aspetto. Tutto quello che viene fatto all’interno di una coreografia di gruppo o di coppia ha un effetto sul partner o sui compagni, e una conseguenza che deve essere valutata e tenuta in considerazione. 

Un’altra componente che risulta oggetto di formazione è il rispetto dei tempi di ogni bambino. Tutti i ballerini, dai più piccoli ai più grandi, hanno tempi di apprendimento e di acquisizione del movimento, e sono diversi per ognuno. 

È importante tenere in considerazione questa variabile per non creare delle aspettative troppo alte che possono poi generare frustrazione sia nel bambino che nell’insegnante. È fondamentale quindi insegnare il rispetto dei tempi di ogni persona e soprattutto far capire ai bambini, attraverso il nostro comportamento, che ognuno ha tempi diversi e che non riceverà un giudizio per questo. 

La danza insegna il rispetto per la musica, e insegna la disciplina, che è una forma di rispetto verso se stessi. 

Insegna a rispettare i compagni e gli insegnanti, e trasmette un sano rispetto verso il proprio corpo e verso quello dei compagni. La danza insegna anche il rispetto delle difficoltà, perché ciò che per un ballerino è facile, per un altro può essere ostico. Un ballerino balla con il cuore, con il carattere e con la relazione, oltre che con il corpo. Per questo un insegnante, oltre ai passi, ha il compito di insegnare tutto questo. 

“È questione di rispetto!” è una frase che si sente spesso durante le liti.

Ma cosa si intende per rispetto? E soprattutto come è possibile insegnare fin da piccoli ai bambini a rispettare se stessi e gli altri?

a cura di Elisa Veroni 
insegnante di ballo


Girotondo
 riceve
i Patrocini dei Comuni
per le sue finalità socio/educative
a sostegno della Comunità

Esce a Marzo - Maggio
Settembre - Dicembre

In ogni numero informa 
sul mondo dei bambini
per aiutare i genitori
a comprenderli meglio

Il Comitato Etico Scientifico 
supervisiona tutti gli articoli,
a garanzia della tutela all’infanzia
e di una genitorialità consapevole,
valori a cui Girotondo si riferisce
come Associazione