Loading color scheme

denti & co.: dubbi , domande e risposte

bambino_denti_03.jpg

Dopo anni di battaglie, divertimento ed esperienza con i bambini ho voluto scegliere alcune tra le molte domande che mi vengono più spesso poste dai genitori dei miei piccoli pazienti. 

Quando spuntano i primi dentini? Il primo dentino tipicamente spunta intorno ai sei mesi, ma c’è chi lo mette già a quattro mesi e mezzo e chi, invece, a un anno è ancora senza. 

Di solito le mamme e i papà si preoccupano per un ritardo di eruzione: voglio rassicurarvi, non c’è da preoccuparsi: la nascita dei denti è scritta nel nostro codice genetico e può esserci grande variabilità. 
Quando iniziare a lavare i denti?
Subito, alla comparsa del primo dentino, con spazzolini adeguati che si possono tranquillamente trovare in farmacia. Fino ai due anni non serve usare il dentifricio, è sufficiente spazzolare a secco. Poi si raccomanda l’uso di un dentifricio al fluoro e all’inizio la quantità di dentifricio deve essere pari a un pisello surgelato. È importante curare fin dall’inizio l’igiene orale per evitare la formazione della placca e il ristagno di batteri cariogeni in bocca ed è importante che i bambini e le bambine familiarizzino con un gesto che deve diventare una sana abitudine quotidiana. 

Quando cominciano a cadere i dentini? I primi denti da latte che cadono sono gli incisivi inferiori centrali, tipicamente intorno a sei anni. 

Ma ad alcuni bambini (precoci) cadono già a cinque, mentre ad altri (tardivi) a sette o otto anni. 

Verso i sei anni inizia l’eruzione dei denti permanenti che si completa mediamente intorno ai tredici anni. Poi, dalla caduta del dente da latte, possono passare anche dei mesi prima che compaia il dente permanente, soprattutto nel caso degli incisivi laterali superiori e dei canini superiori. In questa fascia di età, oltre ad iniziare la permuta dei denti, compare il primo molare permanente, che spesso viene scambiato per un dente da latte. Attenzione: spesso è il primo dente che si caria. Lavatelo bene!

Meglio lo spazzolino elettrico o manuale? Lo spazzolino manuale va benissimo. Iniziate a lavare i dentini con quello manuale, poi sarà il dentista a consigliare l’uno o l’altro. Un consiglio: almeno fino agli otto anni, spazzolate prima voi genitori a secco (senza dentifricio) i denti dei vostri figli arrivando, scrupolosamente, ai denti posteriori. Poi lasciate che facciano da soli, mettendo un po’ di dentifricio al fluoro sullo spazzolino.

Quando fare la prima visita dal dentista? Le ultime linee guida nazionali consigliano la prima visita dal dentista a due anni indipendentemente dalla presenza o meno di problematiche dentali per poi ripetere i controlli ogni sei mesi. 

Cosa fare se digrigna i denti? Il bruxismo è considerato normale fino a sei-sette anni, momento in cui la dentatura è principalmente costituita da denti da latte che, per lo smalto più predisposto all’abrasione e quasi privi di un’anatomia occlusale ben definita come quella dei denti permanenti, non garantiscono una stabilità occlusale. Nel 90% dei casi infatti l’abitudine di digrignare i denti durante la notte sparisce con la crescita. 

Quando mettere l’apparecchio? L’età in cui mettere l’apparecchio ortodontico dipende dal difetto, perché le alterazioni di crescita scheletrica vanno trattate precocemente, anche a cinque anni, nel caso di altri difetti ortodontici invece si preferisce intervenire più avanti negli anni a permuta dentale terminata, a dodici-tredici anni. 

Affidarsi ad uno specialista, come l’ortodontista, garantisce una diagnosi corretta e precisa. 

Dopo anni di battaglie, divertimento ed esperienza con i bambini ho voluto scegliere alcune tra le molte domande che mi vengono più spesso poste dai genitori dei miei piccoli pazienti. 

a cura dott.ssa Federica Casilli
Specialista in ortodonzia e gnatologia Dottore di ricerca in malattie odontostomatologiche


Girotondo
 riceve
i Patrocini dei Comuni
per le sue finalità socio/educative
a sostegno della Comunità

Esce a Marzo - Maggio
Settembre - Dicembre

In ogni numero informa 
sul mondo dei bambini
per aiutare i genitori
a comprenderli meglio

Il Comitato Etico Scientifico 
supervisiona tutti gli articoli,
a garanzia della tutela all’infanzia
e di una genitorialità consapevole,
valori a cui Girotondo si riferisce
come Associazione