Facciamo Scuola Insieme

  • Comune di Casalecchio di Reno
  • Comune di Bologna Quartiere San Vitale San Donato
  • Comune di Bologna Quartiere Santo Stefano
  • Comune di Zagarolo
  • Comune di Bologna Quartiere Porto-Saragozza
  • Comune di San Lazzaro di Savena
  • Comune di Palestrina
  • Comune di Castenaso
  • Comune di Palestrina
  • Comune di San Cesareo
  • Comune di Ozzano dell'Emilia
  • Comune di Cave
  • Comune di Bologna Quartiere Savena
  • Comune di Castel San Pietro Romano
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
1107041
oggi345
ieri515
questa settimana2571
questo mese8857
totale visitatori1107041

in viaggio con Maria Rita Parsi fra riti, tradizioni culturali, famiglie e bambini

Parsi_MariaRita.jpgProsegue il confronto con Maria Rita Parsi, una delle psicoterapeute più apprezzate di Italia. Lo sguardo di oggi è sulla tradizione e su quanto il ripetersi dei riti possa contribuire a rafforzare l’identità del bambino e l’unione dei rapporti familiari.

Parsi, che ritiene Girotondo «un buon punto di riferimento per le famiglie perché, come ricorda un proverbio africano, per educare un bambino ci vuole un intero villaggio », cita il dialogo fra la volpe e il Piccolo Principe in cui l’animale spiega al bambino il significato del verbo addomesticare. «Addomesticare – spiega la volpe – significa creare legami.

Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l’una dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo».

Professoressa, cosa sono i riti e perché ne abbiamo così bisogno? «I riti sono delle attività svolte collettivamente che creano legami tra le persone, tra cielo e terra e hanno anche la funzione di scongiurare una delle angosce più importanti degli esseri umani: l’angoscia di morte. Partecipare a un rito, sentirsene parte, è come ribadire la vita, sfiorare l’eternità, che ci si appelli o meno a un dio, quello a cui si tende è una rassicurante, seppur impossibile, immortalità».

Qual è l’importanza delle consuetidini nella crescita di un bambino?

«Rispondo citando ancora Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry: i riti che creano legami sono il colore del grano. Il colore del grano è il colore dei capelli del Piccolo Principe che la volpe ricorderà anche quando i due amici saranno lontani. Il colore del grano è ciò che resta, il ricordo che forma la crescita degli individui e del loro gruppo di appartenenza, la memoria che costituisce il bagaglio culturale ed emozionale di ogni persona. Un legame che si crea con gli incontri, le abitudini, il contesto culturale. I riti sono importantissimi soprattutto se permettono al soggetto di riconoscere se stesso, di scoprire e capire la diversità che lo circonda e acquisire e scambiare conoscenze».

Siamo bombardati di informazioni, reiterare le abitudini è un modo per fermarsi e sentirsi più sicuri? «Il collegamento fra riti e lentezza esiste. Ci si ferma, si riflette e si condivide qualcosa a cui si sente di appartenere. Questo vale per la religione, ma anche per le più semplici abitudini familiari o individuali. Ognuno ha le sue. Il modo di comunicare sta cambiando profondamente.

La modernità avanza alla velocità della luce e la tecnologia sta creando nuovi riti. Penso al rapporto sempre più metodico che abbiamo con i nostri smartphone, al nostro cercare gli altri senza stare assieme a loro.

Anche questi sono diventati riti, e proprio come i riti tradizionali forgiano identità e dipendenza e sono in grado di creare legami. Non si tratta di legami fisici, non hanno odori e spesso nemmeno voce, ma restano legami. Legami necessari ad esistere».

Quali sono i riti che resistono e resisteranno nonostante la modernità?

«Quelli che io definisco i riti del bene. I riti religiosi, per esempio, le cerimonie, le celebrazioni, le commemorazioni.

Si tratta di riti che devono appoggiarsi su valori, credenze, consuetudini culturali, sociali, spirituali di cui si è sinceramente convinti. Solo così è possibile trasmetterli con coerenza e coscienza ai nostri bambini. I sacramenti non devono essere un’abitudine sociale o un motivo in più per far festa, è necessario credere davvero e avere rispetto della simbologia che li accompagna. Altrimenti si svuotano di significato.

O ancora tutti quei riti che cementano un legame affettivo. Penso alla lettura di un libro tutti insieme o alla sfoglia di pasta fatta dalla nonna, la domenica mattina. Quei momenti che non dimenticheremo mai e che basterà un profumo o un’immagine per riaccenderli nella nostra mente».

a cura di Alessandra Testa
giornalista, direttrice rivista Girotondo

come disegnano i bambini la figura umana?

Inviate lo scarabocchio o il disegno del vostro bambino (in formato JPEG - max 4 disegni) indicando il nome e l’età dell’autore e, se l’età lo permette, chiedete al vostro piccolo artista di dare un titolo al suo ...

nei disegni dei bambini, la casa che significa?

Inviate lo scarabocchio o il disegno del vostro bambino (in formato JPEG - max 4 disegni) indicando il nome e l’età dell’autore e, se l’età lo permette, chiedete al vostro piccolo artista di dare un titolo al suo ...

Nei disegni e negli scarabocchi dei bambini che significato hanno la famiglia e gli alberi?

Inviate lo scarabocchio o il disegno del vostro bambino (in formato JPEG - max 4 disegni) indicando il nome e l’età dell’autore e, se l’età lo permette, chiedete al vostro piccolo artista di dare un titolo al suo ...

Una finestra nella simbologia dei colori nei disegni e negli scarabocchi dei nostri bambini

Inviate lo scarabocchio o il disegno del vostro bambino (in formato JPEG - max 4 disegni) indicando il nome e l’età dell’autore e, se l’età lo permette, chiedete al vostro piccolo artista di dare un titolo al suo ...

Le forme realizzate dai bambini nei loro disegni ci danno indicazioni su bisogni, richieste e ...

Inviate lo scarabocchio o il disegno del vostro bambino (in formato JPEG - max 4 disegni) indicando il nome e l’età dell’autore e... se l’età lo permette chiedete al vostro piccolo artista di dare un titolo al suo ...

I colori usati dai bambini nei loro disegni ci danno indicazioni su personalità e stato psicofisico

Inviate lo scarabocchio o il disegno del vostro bambino (in formato JPEG - max 4 disegni) indicando il nome e l’età dell’autore e... se l’età lo permette chiedete al vostro piccolo artista di dare un titolo al suo ...

Il disegno è espressione di chi lo esegue

Il disegno è espressione di chi lo esegue:se un bambino ti mostra il suo, ti sta rivelando parte di se stesso! Inviate lo scarabocchio o il disegno del vostro bambino (in formato JPEG - max 4 disegni) indicando il nome ...

I disegni dei nostri bambini ci parlano del loro mondo e delle loro emozioni - 4

Inviate lo scarabocchio o il disegno del vostro bambino (in formato JPEG - max 4 disegni) indicando il nome e l’età dell’autore e... se l’età lo permette chiedete al vostro piccolo artista di dare un titolo al ...

I disegni dei nostri bambini ci parlano del loro mondo e delle loro emozioni - 3

Inviate lo scarabocchio o il disegno del vostro bambino (in formato JPEG - max 4 disegni) indicando il nome e l’età dell’autore e... se l’età lo permette chiedete al vostro piccolo artista di dare un titolo al ...

I disegni dei nostri bambini ci parlano del loro mondo e delle loro emozioni - 2

Inviate lo scarabocchio o il disegno del vostro bambino (in formato JPEG - max 4 disegni) indicando il nome e l’età dell’autore e... se l’età lo permette chiedete al vostro piccolo artista di dare un titolo al ...

A cosa servono gli scarabocchi?

A cosa servono gli scarabocchi? Quale interesse rivestono per i bambini? Vari esperti si sono negli anni interessati a quest’argomento... Una delle prime studiose, Marthe Bernson, psicologa, in un’opera di ...

I disegni dei nostri bambini ci parlano del loro mondo e delle loro emozioni - 1

Inviate lo scarabocchio o il disegno del vostro bambino(in JPEG, max 4 disegni) indicando il nome el’età dell’autore e... se l’età lo permette chiedete alvostro piccolo artista di dare un titolo al suo disegno!Li ...

E il foglio si copre di emozioni: i disegni dei nostri bambini ci parlano

Tutti i bambini del mondo scarabocchiano. Tutti i bambini del mondo disegnano. Cosa? La loro vita reale. In un periodo in cui per i bambini è difficile esprimere i sentimenti a parole, essi scarabocchiano. Per  ...

Disegni che parlano

a cura dei nostri esperti  vuoi saperne di più?   > approfondisci 

   

 

   Girotondo Kids

    LO SPAZIO
    D'ASCOLTO
 GRATUITO 

               scopri cos'è>
    Spazio Ascolto

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner


    I LIBRI LETTI PER VOI
    CHE CONSIGLIAMO:

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
Segui la nostra trasmissione