Loading color scheme

il rispetto non ha limiti !!!

nonni_02.jpg“La stima, il rispetto, l’educazione, l’amicizia, l’altruismo sono valori che intrecciano la stessa catena... una catena che dovrebbe sostenere e fortificare il mondo e le sue fondamenta. Ma non è così.

Purtroppo puntualmente ogni giorno viene consumata dall’acido della cattiveria, dall’ignoranza ed dall’egoismo, per poi fondersi sulle rovine di chi sa amare solo se stesso.” Raffaella Fresè 

Rispettare i diritti dell’altro, rispettare i figli, i genitori, rispettare l’ambiente, il mondo che ci circonda. Educare, infatti, per rispettare, per aiutare, per accogliere le esigenze dell’altro come se fossero nostre. 

Quanto siamo disposti a rispettare? In che misura mettiamo in pratica l’azione educativa di considerare gli altri a tal punto da proteggerli ed amarli? Mettiamo in pratica quotidianamente queste riflessioni in Tribunale, che svolge una funzione educativa, prima ancora che contenitiva o repressiva.

Per “rispetto” si intende un’attenzione verso l’altro tale da non indurre la persona a subire e, quindi, a soffrire per i nostri comportamenti.  

Con questa chiava interpretativa del “rispetto” i riferimenti attribuibili alla specifica parola possono essere molteplici ed orientati a più livelli, fino a capire se noi stessi poniamo attenzione al rispetto verso la nostra persona. Un esempio semplice e, forse, meno impegnativo potrebbe essere quello relativo all’attività sportiva. Chi di noi non la pratica? 

Dai bambini agli adulti, fino agli anziani, oggi si è più sensibili a mantenersi in forma. C’è chi lo fa con la palestra, chi con la bicicletta e chi, addirittura, con sport più estremi e pericolosi. Voi mi direte che attinenza possa avere questo con il “rispetto”. Bene, quando si fa attività fisica il presupposto è quello di capire quali siano le nostre potenzialità ma anche e, soprattutto, i nostri limiti. 

Se chiediamo al nostro corpo sforzi e prestazioni che non può sostenere vuol dire che non lo rispettiamo e non rispettandolo ci esponiamo a forti rischi di salute. Come abbiamo visto il termine “rispetto” è facilmente applicabile in tutte le nostre azioni, da quelle più semplici e quotidiane a quelle più complesse e meno frequenti. 

a cura dott. Raffaele Focaroli
Giudice del Tribunale per i Minorenni di Roma 


Girotondo
 riceve
i Patrocini dei Comuni
per le sue finalità socio/educative
a sostegno della Comunità

Esce a Marzo - Maggio
Settembre - Dicembre

In ogni numero informa 
sul mondo dei bambini
per aiutare i genitori
a comprenderli meglio

Il Comitato Etico Scientifico 
supervisiona tutti gli articoli,
a garanzia della tutela all’infanzia
e di una genitorialità consapevole,
valori a cui Girotondo si riferisce
come Associazione