Facciamo Scuola Insieme

  • Comune di San Lazzaro di Savena
  • Comune di Casalecchio di Reno
  • Comune di Bologna Quartiere Porto-Saragozza
  • Comune di Palestrina
  • Comune di Cave
  • Comune di Ozzano dell'Emilia
  • Comune di Castenaso
  • Comune di Zagarolo
  • Comune di Bologna Quartiere Santo Stefano
  • Comune di Bologna Quartiere Savena
  • Comune di San Cesareo
  • Comune di Palestrina
  • Comune di Bologna Quartiere San Vitale San Donato
  • Comune di Castel San Pietro Romano
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

i bambini di oggi saranno il mondo di domani...

bambino_01.jpgQuesto è un fatto

Maggiori sono le cure che prestiamo oggi all’infanzia e maggiori sono le possibilità di un mondo migliore domani.

Come possiamo far emergere nel bambino l’essere dell’uomo, con le sue qualità migliori, con la sua dignità, i suoi aneliti ideali, la sua creatività nell’accezione più elevata del termine?

Sempre più spesso leggiamo sui giornali fatti di cronaca che coinvolgono “piccoli” adolescenti. I giovani oggi manifestano un’immensa irrequietezza, tipica dell’età, ma accentuata dalle grandi incertezze rispetto al futuro, che vivono nel mondo attuale.

La nostra generazione risulta incapace di rispondere ai bisogni sociali e, rispetto ai giovani, prospetta soluzioni con riforme della scuola che non sono in grado di incidere nella vita reale pervasa di conflittualità, distruttività, desolazione.

Infatti nella scuola non si guarda più alle necessità profonde dell’uomo, ma alla sua istruzione, a quanto deve sapere. È una prospettiva che si muove esclusivamente da interessi legati al mondo dell’economia, sempre più spesso privata di comportamenti etici, un ambito dove vediamo imperante la legge del profitto e degli approfittatori, della competitività sul piano materiale (avere e non essere), dell’arrivismo, dell’individualismo.

È quella una realtà dove avrebbe invece un grande senso il sentimento ideale della fratellanza.

Da quando nella produzione di beni abbiamo la divisione del lavoro, verifichiamo quanto siamo congiunti gli uni agli altri; non c’è un oggetto di uso quotidiano che non sia passato tra le mani di diversi uomini, materia plasmata e permeata dal lavoro altrui, prima di arrivare a noi.

Le civiltà, per poter progredire, hanno bisogno di evolversi in una società più armonica, meno conflittuale; mentre abbiamo sempre più bisogno di contenuti che possano apportare un nutrimento alla nostra interiorità, alle nostre anime, si amplia invece l’assunzione di psicofarmaci che le anime le addormentano.

Gli ideali della Rivoluzione Francese, libertà, uguaglianza, fratellanza, sono più che mai valori a cui tendere.

Cosa possiamo fare noi genitori per sostenere i nostri figli in questo mondo in cambiamento? Anzitutto

ritrovare le tradizioni. No, non parliamo delle tradizioni dei pranzi di Natale, di Pasqua, di Santa Lucia, di Babbo Natale, della Fatina dei denti o di tutte quelle abitudini (altrettanto importanti) che però arrivano una volta all’anno. Parlare di tradizioni significa anche porre il focus su quei momenti in famiglia ricorrenti, unici, intimi e personali che ogni nucleo crea con il tempo. Ogni famiglia ha i suoi riti, le sue tradizioni, e dovremmo renderci conto della loro importanza per la loro unicità e per il valore che si porteranno dietro.

Osserviamo il bambino nella sua crescita nei primi 3 anni di vita: dapprima impara a ergersi nella verticale e a camminare; questo movimento esteriore diventa poi un movimento all’interno della sua anima e abbiamo il linguaggio; un movimento ancor più sottile in seguito, quando comincia a dire io a se stesso, il movimento dei suoi pensieri.

Ogni mamma e ogni papà ad un certo punto si rende conto che per quanto possano sembrare piccoli i loro figli stanno crescendo. Sono bambini, sì, ma il tempo scorre inesorabile e velocissimo, e in un nonnulla li si ritrova ragazzini, e poi adolescenti, e poi adulti. È in questi momenti che ci si rende conto anche di quanto il tempo passato in famiglia sia importante. Perché potremo anche essere genitori votati all’indipendenza dei figli, ma per quanto consapevoli che un giorno cresceranno e se ne andranno, quel pensiero fa nascere nel cuore un pochino di sana malinconia.

Non solo: è proprio in questi momenti che si ripensa alla propria famiglia con il sorriso, mettendo a fuoco le sue caratteristiche, le sue abitudini e il suo essere in profondità. Questo essere è dato anche da tutti i piccoli momenti che in qualche modo possono rappresentare le tradizioni di quella data famiglia. Non il Natale, appunto, ma quelle attività che si è sempre amato svolgere insieme e che ricorrono puntualmente di tanto in tanto.

Semplicemente è il tempo passato in famiglia che si può definire una tradizione.

Perché ogni famiglia spende quel tempo in maniera differente e personale, ed è questo il bello.

Ciò che non dovremmo dimenticare, però, è di non lasciare cadere queste tradizioni.

E se non ce ne sono di definite, non è difficile crearne di nuove. Anch’esse diventeranno parte delle “nostre” e contribuiranno a creare un nido familiare unico, protetto, sicuro, divertente e piacevole, al quale poi da adulti si ripenserà con il sorriso.

Avere delle tradizioni potrebbe però sembrare ad alcuni una forzatura, un pianificare la spontaneità e il bene. In realtà non è così. Perché sapere che ogni settimana ci sarà quella particolare attività che tutti amano e che si sa che si farà tutti insieme rende il tutto (forse incredibilmente e all’apparenza inspiegabilmente) più spontaneo. Perché diventa naturale, e in questo modo le occasioni aumenteranno, e così aumenteranno le tradizioni, e così i ricordi e le sensazioni di piacevolezza.

ma quali sono queste tradizioni?

La serata dei giochi in scatola, il giardinaggio in estate, la cena in quel ristoranti etnico che piace a tutti, il leggere nel letto, l’inventare le storie intorno al fuoco. Ma anche la cena dai nonni, la sera dedicata ai lavori artistici (mica solo i bambini, anche mamma e papà!), le cene e i pranzi cucinati insieme, l’orto sul balcone da curare con amore, il campeggio almeno una volta a stagione, la serata degli spettacoli davanti al divano, la serata cinema (sul divano con i popcorn oppure al cinema vero: quello che si preferisce!).

Non servono energie extra per costruire solide tradizioni di famiglia.

Primo perché sono attività che si amano; secondo perché sono attività quotidiane rese anche meno faticose grazie alla collaborazione!

E non servono nemmeno risorse finanziarie eccessive, dal momento che non parliamo di vacanze super lusso o di attività che richiedono denaro. Il denaro non c’entra. C’entra l’amore. C’entra il divertimento. C’entra il creare e rafforzare un legame che già è forte di per sé ma che piano piano, inevitabilmente, cambierà, proprio perché i nostri stessi figli cresceranno e cambieranno. E forse ci sarà meno tempo per stare insieme. Ma, almeno, avere tradizioni aiuterà un pochino di più a vedersi spesso (perché tornerà la voglia di stare tutti insieme), e renderà tutto più piacevole grazie al dolce ricordo di quei momenti.

Ma soprattutto crescerà degli adulti che, nutriti nelle proprie necessità umane interiori, sceglieranno con amore come costruire il proprio futuro e quello di un nuovo mondo, un mondo dove ci sarà più “essere” e meno avere.

a cura della Redazione
in collaborazione con i propri esperti dell’infanzia

vero amico, vero tesoro... a tutte le etá !!!

Oltre a offrire compagnia e divertimento, l’amicizia permette la conoscenza di sé, dell’altro e del mondo circostante. L’amicizia è fondamentale. Quella fra bambini, compare già in tenera età, dagli 8 – 10 mesi. Seppur ...

collaborare é la cultura per apprendere meglio

I bambini apprendono meglio grazie al “ fare” e alla collaborazione fra loro: la cultura della collaborazione a scuola dá sempre ottimi frutti, predispone al lavoro di gruppo e previene atti futuri di bullismo. A ...

i bambini di oggi saranno il mondo di domani...

Questo è un fatto Maggiori sono le cure che prestiamo oggi all’infanzia e maggiori sono le possibilità di un mondo migliore domani. Come possiamo far emergere nel bambino l’essere dell’uomo, con le sue qualità ...

riprendiamoci il diritto di avere un cuore

In questo mondo malato di violenza noi adulti proviamo vergogna nel manifestare le emozioni e cerchiamo di non mostrarle, come se fosse possibile e normale non averne affatto. Siamo convinti che non provare emozioni ...

Nonni, zii e zie lasciano le tracce nell’anima dei nipoti

Alcune persone sono punti cardinali rappresentano i nostri sentimenti e le nostre emozioni nella loro massima intensità. I nonni appartengono a questa categoria, “persone-casa” uniche, intime ed indimenticabili. I ...

Facendo esperienza è più bello imparare!!!

Tutti i genitori si sforzano di dare ogni giorno il meglio ai propri figli. Molti si prendono cura di ogni dettaglio, allacciando loro le scarpe, mettendo in ordine i giocattoli, preparando lo zaino per la scuola, ...

Nel futuro dei nostri bambini, dov’è il rispetto e l’ecosostenibilità?

“Abbiamo inventato una montagna di consumi superflui e li buttiamo… e viviamo comprando e buttando… e quello che stiamo sprecando è tempo di vita, perché quando io compro qualcosa, o lo fai tu – e non lo fai con il ...

Bambini che apprendono con amore? si grazie, per favore!

L’apprendimento è influenzato dalle emozioni e spesso un bambino impara perché ama. L’emozione la fa da regina, ognuno di noi sa quanto sia facile e bello imparare quello che ci fa sentire bene e capaci e quanto sia ...

Insegniamo ai nostri figli a essere felici...

A ognuna di noi madri è successo che incontrando una vecchia amica a passeggio con nostro figlio/a scattasse la fatidica gara a quale dei bimbi presentasse le caratteristiche migliori, quale fosse più bravo negli sport ...

Aiutiamo i nostri figli a trovare se stessi per essere felici

I figli appartengono alla vita. Non sono proprietà dei genitori. Diventano grandi grazie a una madre e un padre, che ne rispondono e che li curano, ma non sono un loro possesso. Sono persone. E come tali devono sempre ...

Giochi moderni e bambini: istruzioni per l’uso senza l’abuso

Il gioco è l’essenza stessa dell’infanzia l’età in cui si “impara la vita”; è un ponte fondamentale tra fantasia e realtà; uno strumento fondamentale di conoscenza di sé, del proprio corpo, degli oggetti e ...

La natura ci cura... prendiamocene cura !!!

LA MAGIA DELLA NASCITA...l’impegno della cura, la soddisfazione di veder crescere una piantina dalle proprie mani… Basterebbe questo per spiegare il perché dell’importanza di coltivare un orto insieme ai bambini, ma le ...

Come scegliere l'asilo giusto e le attività sportive più adatte?

Nel nostro territorio ci sono tantissimi asili a fronte di una popolazione locale di bambini di età prescolare forse non così numerosa... tutta questa concorrenza si traduce in un vantaggio per noi famiglie che possiamo ...

Regaliamo ai nostri figli un’estate di qualità ed emozioni

Quando finisce la scuola e arriva l'estate, per i bambini è ora di tuffarsi nel gioco assoluto e nel divertimento spensierato. Oddio finisce la scuola… Per i genitori è tempo di rimettere in moto la macchina ...

Una corretta alimentazione passa anche attraverso il biologico? Pro e contro

L’agricoltura biologica è quel tipo di agricoltura che utilizza concimi organici anziché fertilizzanti chimici, come si faceva una volta, e può ritenersi una valida alternativa ai sistemi di produzione intensiva, ...

Il regalo migliore per Natale? Il tuo tempo prezioso! I figli crescono troppo in fretta...

Prendiamo spunto da questa frase per riflettere sul significato dei regali ai giorni nostri. Ai tempi dei nostri nonni, i bambini aspettavano tutto l'anno il Natale per ricevere "IL" regalo. Era uno, e si faceva bastare ...

bullismo e cyberbullismo: gli insegnanti vedano, i genitori parlino, i compagni soccorrano!

Cos'è il bullismo? Si parla di “Bullismo” quando una singola persona o un gruppo di persone vengono più volte offese attraverso parole, forza, contatto fisico, gesti o smorfie da parte di uno o più individui. Nell’atto ...

Dossier

a cura della Redazione  in collaborazione con i propri esperti dell'infanzia 

   

 

   Girotondo Kids

    SPAZIO D'ASCOLTO
   
GRATUITO 

               scopri cos'è>
    Spazio Ascolto

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner



    CONSIGLI
    DI LETTURA:

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
1200943
oggi75
ieri841
questa settimana2245
questo mese8841
totale visitatori1200943

A
A

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
Segui la nostra trasmissione