Loading color scheme

perchè lo facciamo

Perché essere genitori è il più ambizioso dei mestieri
ed anche l'unico che nessuno può insegnare a fare.  

Perché siamo ben consci della complessità dell'impresa,
dell'immane responsabilità che comporta educare e formare un giovane adulto, rispettandone e valorizzandone l'unicità e favorendone l'inserimento con un funzionale adattamento alla società.

Perché sappiamo che molto in questa società va discusso,
moltissimo andrebbe cambiato eppure è in essa che dobbiamo vivere.

Perché avvertiamo il dovere e l'esigenza di venire incontro alle persone,
perché crediamo che quello che si agisce sui bambini sia un investimento a lungo termine sulla società.

Perché crediamo prima nella prevenzione e poi, solo secondariamente, nella cura. 
Quella del benessere è una cultura che va diffusa e insegnata, un'atmosfera che i nostri figli devono poter respirare sin da piccoli. Qualunque genitore sa che l'aspetto più affascinante della genitorialità è la possibilità che offre all'adulto di rinascere ancora una volta e crescere insieme ai propri figli. 

Di questa possibilità vogliamo sottolineare l'immensa bellezza

Lo facciamo in un'ottica di educazione e sostegno alla genitorialità
ma anche, non secondariamente, ad uno scopo preventivo. Perché è in seno alla famiglia, all'intensità affettiva che la struttura, nutre e sostanzia, che, purtroppo, si sviluppa il tasso più alto d'insidiosa "patologia della relazione", esacerbata in modo particolare da questa congiuntura economico-sociale così sfavorevole e critica.

Per tutte le madri affinché non si sentano sopraffatte dal loro compito,
spingiamo la nostra piccola mollica nella direzione del supporto al blues materno.

 

Aiutaci a perseguire l'obiettivo: 

la tua presenza sulla pagina Facebook, la curiosità verso noi,
la tua mano volontaria, l'acquisto di un pacchetto pubblicitario...
ogni contributo è per noi assolutamente prezioso. 

 

1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7

5 buoni motivi per leggere Girotondo

Ci sono tante ragioni per leggere la rivista Girotondo!

Read more