Facciamo Scuola Insieme

  • Comune di Palestrina
  • Comune di Bologna Quartiere San Vitale San Donato
  • Comune di Castenaso
  • Comune di Bologna Quartiere Savena
  • Comune di Castel San Pietro Romano
  • Comune di Palestrina
  • Comune di Ozzano dell'Emilia
  • Comune di Casalecchio di Reno
  • Comune di Bologna Quartiere Santo Stefano
  • Comune di Bologna Quartiere Porto-Saragozza
  • Comune di Cave
  • Comune di San Cesareo
  • Comune di San Lazzaro di Savena
  • Comune di Zagarolo
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

come comunicano e socializzano con noi adulti i bambini?

bambina_denti_08.jpgDurante lo sviluppo del bambino siamo soliti portare l’attenzione principalmente al linguaggio verbale. Il linguaggio verbale è una modalità di comunicazione, ma ne rappresenta solo il 7%, mentre il restante 93% è di natura non verbale.

Il primo assioma della comunicazione indica, infatti, che non si può vivere senza comunicare. Diventa così importante valutare il grado e la competenza comunicativa del bambino durante il suo sviluppo ed a questo proposito, ricordiamo che il successo della comunicazione è più importante della singola parola pronunciata in quanto anche il linguaggio non verbale veicola messaggio.

Il dott. Marc E. Fey (1986) delinea quattro profili conversazionali:

- il conversatore attivo: il bambino adotta atti assertivi e responsivi ben bilanciati ed è in grado, anche se non sa usare il linguaggio e le parole, di realizzare una reciprocità conversazionale;

- il conversatore passivo: il bambino non è in grado di iniziare una conversazione ma effettua maggiormente atti responsivi ovvero atti che sono semplici risposte se sollecitato;

- il conversatore inattivo: il bambino ha bassi livelli assertivi e responsivi. Si presenta come un bambino socialmente isolato con problemi di apprendimento e di linguaggio;

- il non comunicatore: il bambino non sa cooperare in modo adeguato alla conversazione, presta poco interesse all’ascolto dell’altro ed è difficilmente agganciabile. Nei bambini piccoli (12-36 mesi) le abilità socio-conversazionali si esplicano secondo due dimensioni: la responsività e l’assertività. La responsività riguarda la capacità di comunicare con il proprio interlocutore e di riuscire a mantenere l’argomento di conversazione tra un turno e l’altro in modo contingente e coerente. L’assertività riguarda la capacità di avviare lo scambio richiamando l’attenzione del proprio interlocutore, di aprire il dialogo con la proposta di un nuovo argomento, oppure

formulare domande e/o richieste. Le abilità conversazionali del bambino vengono espresse sia in forma verbale che non verbale. Nella forma non verbale il bambino utilizza gesti detti deittici (indicare, mostrare, dare e richiedere la mano) e gesti referenziali (salutare con la manina ecc.). Questi gesti hanno la funzione di comunicare le proprie intenzioni, idee e significati che non riesce ancora ad esprimere con le parole e il linguaggio.

Il bambino può comunicare con l’adulto usando: azioni (toccandolo, prendendolo per il braccio), può usare lo sguardo verso l’adulto o lo sguardo verso l’oggetto; può indicare luoghi o oggetti; può usare vocalizzazioni.

I bambini possono combinare due o più modi di comunicare, per esempio indicano e vocalizzano oppure usano un’azione accompagnata dallo sguardo verso l’adulto. Tutti questi modi di comunicare vengono utilizzati per inviare messaggi che possono essere interpretati come dotati di significato. Osservare come un bambino dialoga o comunica, anche in modo non verbale con un adulto ci permette di cogliere come esprime i suoi messaggi.

La comunicazione può esprimersi anche con forme non verbali, ad esempio chiedere e rispondere possono essere realizzati con lo sguardo rivolto verso all’oggetto e poi all’adulto, con i gesti come indicare con il dito o con il mostrare e dare un oggetto.

Insomma nella comunicazione adulto-bambino va tenuta sempre in molta considerazione lo scambio di informazioni tra interlocutori, con un certo grado di reciprocità e bidirezionalità e un coinvolgimento attivo di entrambi... solo così si potranno valutare obiettivamente le capacità Socio-Conversazionali del bambino stesso.

a cura dott.ssa Morena Manzini
logopedista, counselor relazionale

a ogni cultura il suo linguaggio

Cultura culla coltura colla… una parola che arriva da lontano e ha modificato il suo significato nel tempo. Deriva da coltivare; ed è questo percorso dal campo al frutto che vorrei fare con voi. Un bambino è in una ...

insegnare a parlare ai bambini: un’esperienza irripetibile

Dal momento della nascita ogni bambino inizia a costruire la rete di connessione neuronale che costituirà la sua mappa cognitiva mentale. Il bambino deve essere incoraggiato e stimolato alla conquista delle autonomie ...

come comunicano e socializzano con noi adulti i bambini?

Durante lo sviluppo del bambino siamo soliti portare l’attenzione principalmente al linguaggio verbale. Il linguaggio verbale è una modalità di comunicazione, ma ne rappresenta solo il 7%, mentre il restante 93% è di ...

bambini unici... speciali, bisogni unici e speciali logopedia e sindrome di Down

Quando siamo difronte a un bambino con la sindrome di Down, nei primi anni di vita, diventa fondamentale per se stesso e per i suoi genitori un intervento precoce... L’intervento precoce può essere utile a ...

La nostra voce non è solo questione di gola ma anche di abitudine!

Sarà ché siamo abituati a darla per scontato, ma quando improvvisamente ci troviamo senza (o quasi) ci rendiamo conto di quanto sia importante per noi. È la nostra voce.  Quando parliamo, il nostro primo ...

Fai quel che ti dico e dimmi quello che faccio

La mano è sorella della lingua. Anche se in apparenza non si assomigliano godono entrambe di una grande rappresentazione sulla corteccia cerebrale, il che vuol dire che sono importanti... Il lavoro di una può avere una ...

Alla scoperta del suono attraverso i rumori e l’ascolto attivo...

L’attenzione è un processo cognitivo della mente che permette di selezionare stimoli ambientali ignorandone altri. Senza attenzione non vi può essere apprendimento ed è pertanto importantissimo per lo sviluppo del ...

Le parole sono importanti: come ci chiedono i bambini di comunicare con loro?

Le parole sono importanti, cerchiamo quindi di condividere il significato di comunicazione come la possibilità di far partecipe un altro di un contenuto, attraverso lo scambio di un messaggio composto secondo le regole ...

Comunicare attraverso le favole: un gesto d’amore che unisce adulti e bambini

Leggere le favole ai bambini è un uso antico, un rito d’amore, un momento d’incontro e crescita... Potremmo accendere You Tube e lanciare fiabe a cartone animato o addirittura potremmo guardarle in dvd, ma non sarebbe ...

Avere il naso pulito fa bene alla salute... e al linguaggio?

Forse non tutti sanno che una corretta igiene nasale è molto di più che un ottimo modo per tenere lontani raffreddori e malanni di stagione. Una corretta igiene nasale è fondamentale per assicurare il corretto ...

Lo strumento musicale di tutti? la voce: come utilizzarla al meglio

La comunicazione verbale è il principale veicolo d’informazione che tutti noi usiamo. Adulti e bambini sono grandi utilizzatori della voce nella loro quotidianità. capacità e dei propri limiti, nella gestione di una ...

Stimolare la creatività in un soffio

Creatività e manualità nei percorsi di apprendimento e di riabilitazione sono essenziali. Mettiamo allora in luce il bisogno di nuovi spunti e idee da sperimentare con tutti i bambini e ragazzi, specialmente in ...

Didattica e tecnologia: l’apprendimento dei nostri bambini nell’era digitale

Secondo l’OMS il 44% dei bambini italiani possiede una TV in camera e 4-5 ore sono occupate da questo oggetto. La TV diventa spesso un mezzo per interrompere un capriccio, per superare la noia. La tecnologia ci ...

Come imparano a leggere i bambini? e quelli con dislessia, disortografia e discalculia?

L’apprendimento della lettura è un processo complesso che implica la capacità di compiere operazioni di riconoscimento, interpretazione e relazione tra simboli e significato, oltre che tra un oggetto e significato. Per ...

3... 2... 1... viaaa! tutti pronti per i banchi di scuola!

In questi giorni come si può non rivolgere un pensiero a tutti quei bambini che stanno facendo il grande salto, quello del passaggio dalla scuola d’infanzia e che cominciano la scuola primaria? Molte e discordanti ...

E se i grandi si mettessero a giocare?

I bambini non camminano mai: saltellano, zompettano, fanno piroette o corrono e trasformano il marciapiede nella galassia di Star Wars ed un filone di pane nella spada di Luke Skywalker! Gioco e linguaggio si ...

Gioco, gioco e ancora gioco e... imparo!

Gioco e bambino sono due parole che devono sempre andare di pari passo ed anche quando si deve fare un lavoro logopedico queste due parole devono essere inseparabili. Lo scopo principale del gioco è il divertimento e ...

Perchè alcuni bambini mandano giù il cibo in modo errato?

La Deglutizione Infantile o Deglutizione Atipica è il movimento che il lattante fa assumendo il cibo liquido attraverso il seno (o la tettarella del biberon)... Il bebè porge lievemente la lingua tra le gengive ancora ...

Bambini e balbuzie...

La balbuzie è un disordine nel ritmo della parola, nel quale il paziente sa con precisione ciò che vorrebbe dire ma nello stesso tempo non è in grado di dirlo, a causa di involontari arresti, ripetizioni o prolungamenti ...

E se fosse il momento di imparare un’altra lingua?

Settembre è il periodo dell'anno in cui si inizia a riflettere sulle attività extra scolastiche cui iscrivere i propri figli.  Partendo dal presupposto che non è mai troppo presto per cominciare ad imparare una lingua ...

Bambini con la Sindrome da X fragile... cosa può essere utile?

La Sindrome da X Fragile è la più comune forma di disabilità cognitiva di tipo ereditario e fa parte dei disturbi pervasivi dello sviluppo. L’entità della disabilità intellettiva varia da uno o più di questi sintomi: ...

bidibi bodibi bù... la magia delle parole

La vita scorre dentro un fiume di parole che ci accompagnano nel mare della conoscenza, della comunicazione e del pensiero. Nel silenzio della loro assenza sarebbe tutto più triste e senza senso, come in un pianeta ...

Come nasce il linguaggio nei bambini?

Il linguaggio non nasce improvvisamente: lo sviluppo comunicativo precede e prepara il successivo sviluppo linguistico. L’uomo è predisposto geneticamente e in modo innato ad acquisire il codice linguistico, ma ...

Le corrette funzioni orali del bambino per uno sviluppo armonico della comunicazione e del ...

La logopedia è una branca della medicina che si occupa di educazione e rieducazione delle funzioni orali, comunicative e linguistiche. L’oralità è la capacità di usare la bocca in modo preciso, abile e funzionale, per ...

Screenizziamoci… il ruolo del logopedista nella Scuola

Ci sono parole che hanno il potere di cambiare le espressioni sui volti di chi le ascolta. Una di queste è “ Screening”. Quotidianamente ho la fortuna di confrontarmi  con  insegnanti e genitori sull’importanza dei ...

Leggere con le orecchie? E' un altro mondo...

“Nati per leggere”. Sembra una frase semplice, chiara, lineare. Non lo è, non lo è affatto. E' una frase sentita e risentita, trita e ritrita. Una frase che vuol dire tutto e niente. Una frase che per molti è ...

Problemi nella lettura... quando sospettare la dislessia?

La Dislessia è un Disturbo Specifico dell'Apprendimento (DSA), e con tale termine ci si riferisce ai disturbi delle abilità scolastiche (Dislessia, Disortografia, Disgrafia e Discalculia).  Si pone diagnosi di DSA ...

Sogni che si realizzano

Dedico questo spazio a Mario... anzi, sarà lui a parlare con una lettera che mi ha inviato non poco tempo fa. Mario è un ragazzo dislessico, lui come tanti altri bambini e ragazzi ha sofferto molto a scuola. Il DSA ...

Il logopedista tra bambino e famiglia...

“Il logopedista è l'operatore sanitario che svolge la propria attività nella prevenzione e nel trattamento riabilitativo delle patologie del linguaggio e della comunicazione in età evolutiva, adulta e ...

"aiuto! devo copiare dalla lavagna!" la difficoltà del bambino con DSA

Quale è la difficoltà del copiare alla lavagna per un bambino che ha disturbi specifici di apprendimento (DSA)? L'ingresso in prima elementare è un momento fondamentale!Bisogna entrare nell'ottica che i bambini ...

Quando a scuola ti fanno sentire diverso...

Proviamo a metterci nei panni di un bambino con DSA (Disturbo Specifico Apprendimento). Proviamo a capire cosa sente dentro di sé, quale sforzo compie, quali difficoltà vive... E se cerchiamo di comprenderlo... possiamo ...

Problemi di apprendimento? Ecco come riconoscerli

DSA Dislessia, Disgrafia, Disortografia, Discalculia. Quali sono i segnali ai quali “prestare” attenzione per capire se possa esserci un problema di apprendimento? La diagnosi di DSA è molto più complessa di quanto si ...

Sensibilizziamoci alla Sindrome Dislessica

Il DSA (Disturbo Specifico Apprendimento) se non “compreso” a fondo può realmente rendere difficile la vita della persona che presenta tale caratteristica. Eppure è “soltanto” una delle tante caratteristiche che ...

bambini e Linguaggio

a cura dei nostri esperti del linguaggio  vuoi saperne di più?   > approfondisci   

   

 

   Girotondo Kids

    SPAZIO D'ASCOLTO
   
GRATUITO 

               scopri cos'è>
    Spazio Ascolto

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner



    CONSIGLI
    DI LETTURA:

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
1157778
oggi113
ieri939
questa settimana5240
questo mese17473
totale visitatori1157778

A
A

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
Segui la nostra trasmissione