Facciamo Scuola Insieme

  • Comune di Cave
  • Comune di San Lazzaro di Savena
  • Comune di Palestrina
  • Comune di Casalecchio di Reno
  • Comune di Bologna Quartiere Porto-Saragozza
  • Comune di Palestrina
  • Comune di Zagarolo
  • Comune di Castenaso
  • Comune di San Cesareo
  • Comune di Bologna Quartiere Santo Stefano
  • Comune di Castel San Pietro Romano
  • Comune di Bologna Quartiere San Vitale San Donato
  • Comune di Bologna Quartiere Savena
  • Comune di Ozzano dell'Emilia
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
1015162
oggi589
ieri1203
questa settimana5509
questo mese19327
totale visitatori1015162

un grande cambiamento nella didattica delle lingue: dalla linguistica alla psicolinguistica

bimbi_stranieri_02.jpg

Nell’insegnamento delle lingue la linguistica è sempre stato il punto di riferimento teorico su cui basarsi per impostare l’insegnamento stesso.

Il metodo più diffuso in ambito scolastico per insegnare una nuova lingua è sempre stato quello della grammatica e della versione/traduzione, molto utilizzato per le lingue antiche come il greco e il latino, altrimenti dette lingue morte. Questo metodo doveva stimolare nei giovani il ragionamento logico per prepararli allo studio della filosofia. In seguito, in mancanza di altre modalità d’insegnamento, il metodo della grammatica e della versione/traduzione è stato utilizzato anche per insegnare le lingue moderne, che sono però delle lingue vive, che servono alla comunicazione. Lo scopo dell’insegnamento delle lingue, quindi, non è più quello di abituare al ragionamento e alla logica, ma è comunicativo. E il metodo della grammatica e della versione/traduzione si è rivelato catastrofico per l’apprendimento comunicativo delle lingue moderne.

Dalla seconda guerra mondiale è cominciata una costante ricerca di metodi di insegnamento delle lingue. Questi però avevano alle spalle il concetto della lingua come qualcosa di statico, che va studiata nella grammatica da sapere alla perfezione prima di iniziare ad esprimersi. Sono nati libri pieni di regole grammaticali, di modi di dire, espressioni tipiche da studiare a memoria con la speranza che gli studenti, un giorno, quando ne avessero avuto bisogno, magari in un viaggio all’estero, sarebbero stati in grado di riprodurli.

In ristretti ambiti di ricerca si è cominciato a capire che il fulcro dell’apprendimento di una nuova lingua non sta nella lingua oggetto di studio, ma nel processo mentale e relazionale di apprendimento. Questo ha portato a un importante cambiamento: dall’oggetto di studio, la lingua X, al processo mentale di acquisizione di una lingua. Quindi dalla linguistica si è passati alla psicolinguistica: non è più necessario conoscere bene la lingua X, ma per mettere in moto processi mentali occorrono attività che stimolino l’attivazione cerebrale.

Un esempio. Per imparare ad andare in bicicletta posso studiare tutti i pezzi che la compongono, leggere tutti i manuali tecnici su come stare in equilibrio e come muovere i piedi per pedalare, ma poi imparerò ad andare in bici solo ed esclusivamente quando salirò sulla bici, qualcuno mi sosterrà per i primi giorni sudando e correndo dietro di me senza mollare il sellino... finché troverò l’equilibrio, guarderò avanti e non i miei piedi e finalmente comincerò a pedalare da sola! Ci vuole esercizio pratico!

Questo è il metodo di apprendimento percettivo – motorio, che avviene in modo inconsapevole e senza sforzo ma ha bisogno della pratica. Quello che apprendo, per esempio andare in bici, viene immagazzinato nella memoria implicita e viene usato automaticamente all’occorrenza. Il metodo percettivo – motorio è fondamentale per l’apprendimento di una lingua, per creare quelle competenze implicite della lingua che poi saranno utilizzate al momento opportuno per parlare nel mondo reale.

La psicolinguistica, quindi, sviluppa una metodologia di apprendimento delle lingue che tiene conto dei processi mentali. La linguistica entrerà in gioco in seguito, e sarà utile per ragionare e riflettere sulla mia produzione linguistica, sulle regole grammaticali e sintattiche. Non è stato forse così per la nostra lingua madre? Abbiamo parlato e parlato fino a 6 anni e poi con la scuola primaria abbiamo imparato a scrivere correttamente quello che già sapevamo dire... L’apprendimento di una lingua straniera quindi ricalca il processo di apprendimento della lingua madre: prima la pratica poi la teoria. Salgo sulla bicicletta, non imparo a memoria il libretto delle istruzioni...!

a cura di Cristiana Chiapparelli magic teacher Hocus & Lotus, esperta in glottodidattica infantile 

un grande cambiamento nella didattica delle lingue: dalla linguistica alla psicolinguistica

Nell’insegnamento delle lingue la linguistica è sempre stato il punto di riferimento teorico su cui basarsi per impostare l’insegnamento stesso. Il metodo più diffuso in ambito scolastico per insegnare una nuova ...

Storytelling: leggere ad alta voce per imparare l’inglese

Leggere ad alta voce è importante per lo sviluppo del linguaggio del bambino, e questo è maggiormente vero nel caso dell’apprendimento di una seconda lingua... Nel linguaggio di ogni giorno usiamo in genere sempre gli ...

Una vacanza in famiglia per sperimentare una settimana da irlandesi...

Con un volo per Dublino è iniziata la nostra avventura estiva irlandese e dall’aeroporto, io e le mie bambine di 5 e 7 anni, siamo arrivate a Bray... Bray è una cittadina a 20km a sud della capitale, con una ...

La relazione affettiva: l’ingrediente principale per apprendere e comunicare

Imparare a parlare significa imparare a comprendere e a produrre. Il nostro parlare è realizzato e modulato in funzione dell’interlocutore che abbiamo difronte. Infatti quando parliamo a bambini molto piccoli il nostro ...

Programmiamo adesso la nostra estate in... lingua

La primavera è il momento ideale per fare programmi estivi sia per i bambini che per la famiglia. L’estate è un ottimo momento per imparare giocando e divertendosi e, cercando di unire l’utile al dilettevole... ...

Apprendimento delle lingue, bambini e tv...

La televisione sembra fare tanta paura ai genitori, ma può essere utilizzata anche a fin di bene, per imparare, per esempio! Possiamo, ad esempio selezionare la lingua dei programmi, possiamo scegliere canali o cartoni ...

Scuole bilingui:chiarimenti e consigli, scegliere la scuola

In Italia solo il 35% dei giovani sostiene di avere un buon livello di inglese, in Svezia sono il 77% e in Germania il 67%. È forse questo il motivo per cui sempre più genitori, oltre a corsi di lingua, viaggi ...

Natura, biodiversità e latitudini... cosa mangiano i bambini di altri paesi?

Lo svezzamento è un momento delicato e importante nella crescita del bambino e nel mondo ogni bimbo viene nutrito e svezzato in modo diverso. Alcune mamme italiane che vivono fuori dall’Italia ci raccontano i ...

La vera storia dell’albero di Natale

L'immagine dell'albero (specialmente sempreverde) come simbolo del rinnovarsi della vita è un tradizionale tema pagano, presente sia nel mondo antico che medioevale e, probabilmente, in seguito assimilato dal ...

Compiti per le vacanze fra Italia, Germania e Giappone

Una coppia giappo-altoatesina, che oggi vive in Italia, ci racconta la loro esperienza di alunni alle prese con i compiti per le vacanze: giapponese lei, italiano lui con mamma tedesca e papà italiano.In Giappone la ...

Prima di Babbo Natale arriva Santa Lucia! La tradizione dice...

Santa Lucia: il giorno più corto che ci sia! Così recita il proverbio, perché pare che il 13 dicembre il sole tramonti prima rispetto a qualsiasi altro giorno dell'anno! Ma è considerato anche il giorno più bello da ...

Quella piantina nel cuore chiamata libertà: Nelson Mandela narrato ai bambini

C'era una volta un uomo che viveva in un villaggio dell'Africa e coltivava una piantina dentro di sé. Questa piantina si chiamava Libertà. All'inizio era un seme molto piccolo che con il tempo ha dato vita a una ...

I teatri per il popolo e la musica per l’integrazione delle etnie: Badara Seck e i bambini di Roma ...

Grande carisma, incredibili doti vocali, uomo di pace e di gran cuore, un maestro della musica e di vita. In due parole Badara Seck, griot senegalese di fama internazionale, discendente da una famiglia di griot, i ...

Buon Natale... in tutte le lingue del mondo!

Joyeux Noël - In Francia i bambini mettono sul focolare scarpe o zoccoli perché Gesù Bambino passerà la notte del 24 a metterci dentro i doni. Addobberà anche l'albero con frutta e dolci. È tradizione accendere un ceppo ...

Perché è così difficile imparare una lingua straniera? Ecco il metodo giusto…

Perché non sappiamo parlare bene l'inglese anche se lo studiamo fin dalla materna? E le altre lingue? francese, tedesco, spagnolo... Perché non riusciamo a imparare una lingua straniera per comunicare? Il motivo sta ...

nati per leggere, Bookstart, Zum lesen geboren, Nascuts per Llegir, Né pour lire!

Dal 1999, l'iniziativa Nati per Leggere vuole promuovere l'attitudine alla lettura nei bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni (cioè non solo prima dell'acquisizione della competenza alla lettura in età scolare ...

Cosa sognano i bambini del mondo?

Siamo andati a caccia di sogni… Sogni affascinanti di bambini come noi, ma con altri stili di vita e altre abitudini… ecco i loro sogni! “Ho sognato che con tutta la classe andavamo su una montagna a toccare ...

Siamo tutti educatori? Citazioni per riflettere...

Il dibattito sulle competenze di genitori, insegnanti ed educatori è sempre molto acceso sia a livello nazionale che europeo. Gli Stati dell'Unione Europea hanno redatto diversi documenti per favorire una politica ...

I nonni come "Angeli Custodi"

Diventati ormai indispensabili per le famiglie in cui i genitori lavorano, i nonni italiani sono i più impegnati nella cura dei nipotini e sono anche i più in forma d'Europa.Con una vita media di 79,1 anni per gli ...

bambini, anche voi avete dei diritti!

La Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza è stata approvata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989. Una convenzione è un accordo tra Stati che vogliono obbedire alle stesse ...

L'arte di vivere all’aria aperta...

L'esperienza dei paesi nordici che include l'uso delle aree esterne, intese come spazi ludici destinati ai bambini, è molto diversa dai paesi europei, in particolare esiste una differenza tra i paesi del Nord Europa e ...

L'educazione e la cura della prima infanzia in Europa

L'infanzia è il periodo più critico dello sviluppo cognitivo e sociale, dell'acquisizione linguistica e della prima alfabetizzazione. Le ricerche indicano che i bambini sono allievi attivi fin dalla nascita e i primi ...

bambini d'Europa

a cura dei nostri esperti  vuoi saperne di più?   > approfondisci 

   

 

   Girotondo Kids

    LO SPAZIO
    D'ASCOLTO
 GRATUITO 

               scopri cos'è>
    Spazio Ascolto

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner


    I LIBRI LETTI PER VOI
    CHE CONSIGLIAMO:

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

spazio fra banner

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
Segui la nostra trasmissione